Published Works

Translations

About this Document

Title: Poeti che verrete!

Author(s): Walt Whitman, Marina Camboni

Publication information: Translated for the Walt Whitman Archive. First published on the Archive in 2012.

Editorial note(s): "Poeti che verrete!" is Marina Camboni's translation of the poem that would later become "Poets to Come," as it appears in the 1860 edition of Leaves of Grass (number 14 in the "Chants Democratic" cluster).

Whitman Archive ID: med.00535




Poeti che verrete!

Non l'oggi ha da giustificare me, e la Democrazia,
e il nostro scopo,
Ma voi, nuova covata, atletica, continentale, americana,
grande più che in passato,
Voi dovete giustificare me.

E invero, se non fosse per voi, io cosa sarei?
Cos'è il poco che ho fatto, se non stimolare voi?

Io dipendo da chi, lontano da qui, mi comprenderà
nelle distese di grasse praterie e più oltre, nell'Oregon
e nella California assieme.
Io m'attendo che da qui a molti secoli mi comprenda
l'abitante del Texas e quello dell'Arizona
Io m'attendo che mi comprenda e m'ami
l'abitante futuro della Carolina e della Georgia.
Io m'attendo che fra cento o forse centinaia d'anni
nell'inverno,nello splendore di boschi e nevi,
nei laghi gelati, mi portino con sè i canadesi
e godano di me.

Io questo so dell'oggi, che, integro, io duro un attimo—
io sono il bardo del futuro,
Io non scrivo che una o due parole, a mostrare il futuro,
Io non avanzo che un momento e poi viro e di nuovo
m'affretto nel buio.

Io sono un uomo che nel continuo vagare, senza davvero
mai sostare, volge a voi uno sguardo appena
e distoglie poi il viso,
Lasciando che voi ne diate prova e definizione,
Aspettandomi le cose essenziali da voi.

Comments?

Published Works | In Whitman's Hand | Life & Letters | Commentary | Resources | Pictures & Sound

Support the Archive | About the Archive

Distributed under a Creative Commons License. Ed Folsom & Kenneth M. Price, editors.